Fotocamera compatta: è arrivato il suo tramonto?

By on 5 Ago 2013
fotocamera compatta

Negli ultimi anni il mercato delle fotocamere compatte ci ha abituato all’inserimento di nuovi modelli sempre tecnologicamente più avanzati. Prodotti che garantiscono ottime fotografie anche nelle più avverse condizioni climatiche e ambientali. Nell’ultimo anno è stato registrato un calo d’importazioni delle fotocamere compatte prodotte in Giappone; evento che sicuramente avrà subito l’effetto della crisi economica, ma non solo, anche altri fattori hanno concorso al verificarsi di una simile condizione: ciò significa che è pronto un tramonto della fotocamera compatta?

Corresponsabile oltre alla crisi economica è anche la presenza nel mercato tecnologico di telefoni cellulari: iPhone e Smartphone in grado di sostituire le fotocamere compatte grazie alle loro prestazioni, che ormai le pareggiano quasi in tutto. Questi accessori di fatti hanno elevate prestazioni tecnologiche, che permettono di ottenere fotografie e video di discreta e buona qualità, usando filtri e prestazioni simili a quelli adottati dalle fotocamere compatte. La moda del momento impone soprattutto di condividere quasi in ogni momento, parte della nostra quotidianità con i nostri profili social. Il cellulare è e rimane sicuramente il mezzo più diretto e veloce per questo genere di approccio con i propri “amici” virtuali.

I dati arrivano direttamente dalla CIPAassociazione che raggruppa i produttori giapponesi di prodotti per il digital imaging – la quale attesta che nell’ultimo anno le esportazioni del Giappone in questo settore hanno subito un calo quasi del 50%. Le mirrorless e le reflex, le macchine fotografiche con obiettivo intercambiabile che hanno conquistato migliaia di utenti negli anni recenti, hanno subito un calo meno importante, si stima un 18% circa, ma si parla ugualmente di un ridimensionamento dell’esportazione di questi prodotti.

Per queste ultime il mercato ha un andamento meno negativo rispetto alle compagne sopra citate, anche se è necessario specificare, che questo calo di esportazione dei prodotti dal Giappone, non è un chiaro sinonimo di calo delle vendite: rimane comunque un chiaro segno che c’è stata una battuta di arresto che ha coinvolto anche il mercato delle fotocamere compatte.

Il loro tramonto fa notizia perché il loro avvento negli ultimi anni è stato davvero esponenziale, soprattutto dal 2003 in avanti c’è stato un incremento di produzione e vendite che ha fatto segnare livelli storici; fino allo scorso anno il settore sembrava non conoscere crisi. Il settore tecnologico va inevitabilmente avanti e oggi, l’era della condivisione, permette sicuramente a uno Smartphone di imporsi con un maggior impatto nella vita quotidiana degli utenti, che amano catturare ogni immagine che li circonda e di condividerla subito con gli amici del web.

Quest’anno si è anche parlato di modelli ibridi, fotocamere compatte in grado di condividere le immagini sui social; i modelli sono ancora da studiare e in fase di verifica da parte di un pubblico attento; non rimane che stare in attesa e vedere che cosa succederà con i prossimi prodotti: nuove fotocamere reflex che di certo cattureranno un’attenzione maggiore da parte del fotografo professionista e degli appassionati che non vogliono rinunciare alla qualità e a una macchina fotografica con prestazioni qualitative elevate.

About Tiziana Cazziero

Tiziana Cazziero è una scrittrice con all'attivo cinque pubblicazioni, è blogger e articolista free lance dal 2010; scrive in vari settori e tratta diversi argomenti, tra questi c'è anche quello della fotografia: passione e hobby cui si dedica nei suoi momenti di svago, ma anche come argomento del suo lavoro. Ha intervistato diversi fotografi e scritto su un blog di fotografia per più di un anno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *