La composizione di belle fotografie: che cos’è

By on 4 Dic 2014
la composizione di belle fotografie, che cos'è

Quando si parla di belle fotografie, si pensa subito alla messa a fuoco, all’inquadratura centrale del soggetto da fotografare, alla luce, alla nitidezza e a tutto ciò che serve per rendere una fotografia bella e indimenticabile. Ma che cosa serve e che cosa s’intende con la composizione di una bella fotografia?

Gli aspetti sopra citati sono senz’altro importanti, ma quando si vuole parlare di fotografie belle anche da un punto di vista tecnico, è doveroso citare le regola dei terzi affinchè si ottengano fotografie di un certo valore artistico.

La regola dei terzi

La regola dei terzi è una semplice regola che nell’immaginario fotografico importante per la composizione di belle fotografie, lo scenario da immortalare con la macchina fotografica, sia essa paesaggio o inquadratura di soggetti in movimento o stabili, sia suddiviso in nove rettangoli esatti, con i due lati verticali e orizzontali perfettamente uguali.

Il fotogramma deve essere suddiviso in tali rettangoli tramite due lunghe linee orizzontali e verticali, che tagliano l’intera immagine rispettivamente in 1/3 e 2/3 dello stesso frame oggetto della fotografia (esempio che potete vedere nell’immagine).

I punti d’intersezione tra le stesse, dovrebbero rappresentare nella realizzazione fotografica dell’operatore in azione, il punto su cui focalizzare l’immagine e trarre il soggetto principale, che sarà poi il protagonista della stessa fotografia.

Nei punti d’intersezione idealizzati dal fotografo, si evincerà in risalto, il soggetto che lo stesso avrà voluto esaltare e rendere in primo piano nella stessa fotografia. Gli esperti del settore affermano che questa dislocazione tecnica dei soggetti da catturare con l’obiettivo fotografico, renderà le fotografie più belle, la cui composizione le avrà rese complete e maggiormente rispecchiabili del momento che si è voluto immortalare.

L’inquadratura apparirà più equilibrata, efficace, dinamica; la fotografia avrà un aspetto diverso e i vari soggetti saranno resi attivi dai punti nevralgici scelti dalle diverse intersezioni sopra citate tra le linee.

Oggi le moderne fotocamere digitali di quasi tutti i livelli hanno installato all’interno delle loro stesse impostazioni base, una griglia che rappresenta quanto sopra detto; si trova tra le diverse impostazioni delle fotocamere digitali e porta il nome d’inquadratura automatica, in modo da agevolare i fotografi amatoriali o poco pratici, che trovano difficoltà nell’inquadratura delle loro immagini.

La composizione di una bella fotografia sembra tal volta scontata, ma bastano davvero piccoli accorgimenti, soluzioni e suggerimenti per rendere una fotografia all’apparenza monotona, classica e quasi banale, una fotografia diversa e attiva, spettacolare.

About Tiziana Cazziero

Tiziana Cazziero è una scrittrice con all'attivo cinque pubblicazioni, è blogger e articolista free lance dal 2010; scrive in vari settori e tratta diversi argomenti, tra questi c'è anche quello della fotografia: passione e hobby cui si dedica nei suoi momenti di svago, ma anche come argomento del suo lavoro. Ha intervistato diversi fotografi e scritto su un blog di fotografia per più di un anno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *